– Le aziende Certificate zeroTruffe –

Va'schietta

Sfruttare l’esperienza trentennale per lanciarsi in un nuovo mercato? Potrebbe non bastare per garantirsi il successo

Va’schietta (gruppo P.M.E.B.) è un contenitore innovativo per la pizza, realizzato in pura cellulosa al fine di garantire al consumatore un prodotto finale sano e privo di agenti chimici contaminanti, a differenza dei comuni cartoni utilizzati per l’asporto.

Il contenitore Va’schietta è infatti realizzato con tecniche avanzate che non prevedono l’utilizzo di colle e altre sostanze che, con il calore generato dalla pizza, potrebbero rilasciare elementi tossici per la salute.

 

Quando conoscere il proprio settore non basta

Lo scenario

L'azienda P.M.E.B. opera nel settore della lavorazione della carta sin dal 1962, specializzandosi nel tempo nella produzione di tovaglioli, piatti, bicchieri e derivati. Nell'ultimo decennio ha infine progettato e avviato la produzione di un innovativo contenitore della pizza in cellulosa, sfruttando l'esperienza più che trentennale nel settore.

Il problema

Il segmento dei contenitori per la pizza è dominato dalle aziende che producono supporti tradizionali in cartone. Penetrare questo tipo di mercato è quindi estremamente complesso, anche per un'azienda esperta che realizza un prodotto qualitativamente migliore come Va'schietta.

L'obiettivo

Sensibilizzare gli operatori delle pizzerie e i consumatori circa l'assoluta convenienza nel sostituire i contenitori tradizionali con quelli in pura cellulosa Va'schietta, avvalendosi di elementi di prova e test di laboratorio inconfutabili.

Soluzione: conquistare il mercato grazie a prove di qualità inattaccabili

Chi vende pizza da asporto deve poter offrire un prodotto che non venga rovinato dal contenitore in cui viene consegnato

Il contenitore Va’schietta, realizzato in pura cellulosa, garantisce al consumatore una pizza fragrante e dal sapore inalterato da quando esce dal forno a quando arriva a casa, pronta per essere consumata. L’obiettivo dell’azienda è quindi tutelare sia i consumatori ma anche le pizzerie che fanno della qualità il loro marchio di fabbrica, e non meritano di veder rovinato il loro lavoro da contenitori che alterano sapori e rilasciano sostanze tossiche per la salute dei clienti.

Il Marchio “Il Certificato Salvagente – Zero Truffe” è molto utile ad un brand come Va’schietta che si inserisce in un mercato saturo, dove per spodestare i leader di settore (produttori di contenitori tradizionali) è necessario fornire elementi di prova inattaccabili ai propri clienti (le pizzerie).

Il test effettuato

Cosa abbiamo testato

MISSIONE: Verificare assenza di migrazione di molecole inquinanti nella pizza contenuta all’interno del supporto Va’schietta

STEP DELLA PROCEDURA:

Il team Zero Truffe ha incontrato il titolare di Va’schietta Giuseppe Gallotti, al fine di approfondire i punti di forza e quelli sensibili del contenitore in cellulosa oggetto di analisi

Sono stati stabiliti i parametri di analisi da verificare in laboratorio, corrispondenti all’eventuale rilascio di molecole inquinanti endocrine

Il contenitore Va’schietta è stato sottoposto a stringenti test in un laboratorio accreditato, per osservare l’eventuale migrazione di Ftalati, Formaldeide, PFAS e Bisfenolo A sulla pizza

È stata verificata totale assenza di sostanze nocive rilasciate dal supporto al contenuto. Tutte le concentrazioni sono state riscontrate sotto il Limite Di Quantificazione (LOQ).

Conclusioni

Va’schietta entra a far parte della squadra di aziende virtuose Zero Truffe che la rivista Il Salvagente, e il suo editore Matteo Fago, hanno voluto premiare per il suo contenitore per la pizza da asporto in cellulosa.

Le analisi di laboratorio hanno dimostrato come il contenitore Va’schietta sia un supporto assolutamente sicuro e perfettamente sano per la pizza da asporto. I test confermano che nessuna delle sostanze tossiche ricercate siano soggette a rilascio sul prodotto finale, garantendo quindi la consegna a casa di una pizza priva di elementi dannosi per la salute.

Guarda la video-testimonianza di Giuseppe Gallotti, titolare di Va' Schietta

Riproduci video
Matteo Fago, editore della rivista Il Salvagente, consegna a Giuseppe Gallotti, titolare del brand Va'Schietta, la certificazione Zero Truffe del Salvagente.

Il commento di Matteo Fago

"Sono molto felice che un imprenditore molto importante come Giuseppe Gallotti, nel settore della lavorazione della carta da moltissimi anni, abbia deciso di lanciarsi in questa nuova linea di produzione di imballaggi alimentari a tutela dei consumatori, e abbia scelto il Salvagente e Zero Truffe per veicolare nel modo migliore questo messaggio."
Matteo Fago
Editore de Il Salvagente

Il commento di Giuseppe Gallotti

“Mi chiamo Giuseppe Gallotti e sono il fondatore di Va’Schietta, il primo contenitore per alimenti in pura cellulosa. Non è facile per me, che sono un imprenditore da moltissimi anni, adattarmi ai cambiamenti del mercato odierno e imparare a comunicare con dei consumatori sempre più attenti e informati. D’altro canto, siamo nell’era dell’informazione e le persone vogliono capire, prima di acquistare. Ero in cerca di qualcosa che validasse il mio prodotto e che mi aiutasse a spiegare ai clienti per quale motivo è speciale, unico, sicuro. La certificazione Zero Truffe risponde proprio a queste mie esigenze e, già solo comunicarlo ai clienti, ha fatto in modo che la loro fiducia nei confronti del prodotto fosse ancora più forte. Ringrazio Matteo e ringrazio il Salvagente per avermi dato questa opportunità, oltre ad essere estremamente orgoglioso per il fatto che Va’schietta abbia superato i numerosi test di laboratorio a cui il team Zero Truffe l’ha sottoposta. Auguro a ogni imprenditore di riuscire ad entrare a far parte del club delle aziende virtuose che intendono cambiare il tessuto imprenditoriale italiano!”
Giuseppe Gallotti
Titolare di P.M.E.B., azienda produttrice di Va'Schietta